La città dei morti: il cimitero Père-Lachaise di Parigi

Solitamente nessuno assocerebbe mai un cimitero ad una romantica passeggiata, (detta così già suona da psicopatico/necrofilo) eppure è proprio ciò che accade visitando il Père-Lachaise di Parigi.

Tra l’altro è talmente grande che per visitarlo tutto servirebbe una settimana intera, ed inoltre, orientarsi e trovare le tombe dei tanti personaggi famosi è davvero difficile se non si sa dove andare. Quindi, vi consiglio di munirvi di una cartina all’ingresso con l’itinerario che indica le tombe famose.

Entrare nel cimitero è come entrare, letteralmente in un’altro mondo, tetro e tristemente definito regno dei morti. La sensazione che tale luogo conferisce è da film horror, specialmente all’imbrunire, anche se non parlo di quell’horror come molti penserebbero stile zombie, bensì questo luogo trasmette indubbiamente un senso di angoscia e paura dell’ignoto. Poi basta giocare un po’ d’immaginazione, perché molte tombe scoperchiate danno l’impressione come se da esse stessero per uscire dei putridi zombie.

Tornando alla visita di questo luogo “fisico” nel XX Arrondissement, che come già detto, dà l’eterno riposo ad illustri personaggi dell’arte, della letteratura, della poesia, è una sensazione unica, ci sono davvero le tombe di tutti: da Molière a Éluard, da Jim Morrison a Annie Girardot, da Apollinaire a Chopin e Oscar Wilde ma anche lapidi di gente comune con “tetri” gusti nella rappresentazione del passaggio verso l’aldilà.

Personalmente da scrittore ho peregrinato sulle tombe dei grandi del genere, e da Rocker ho dovuto accontentare il mio animo, e quindi non potevo non soffermarmi ad omaggiare la tomba di Jim Morrison, un mito, il cui sepolcro ovviamente è più il più visitato del cimitero; che poi per dirla tutta, non è nuova la piccola curiosità che le sue spoglie non giacciono più lì, c’è solo la sua tomba e non è nemmeno chissà quanto sfarzosa! Ciononostante resta lui la vera star nel palcoscenico della Città dei Morti che per quanto affascinante, commovente e suggestivo possa essere il luogo, diciamoci la verità… una settimana al cimitero, sia pur esso il Pere-Lachaise, non la si augura a nessuno!

Quindi se nel prossimo futuro vi trovate a Parigi, lasciate stare Topolino e Minnie, siete grandi ormai, piuttosto “vivete” una rilassante e profonda giornata nello storico e quieto luogo.

Ecco le foto del cimitero Pere-Lachaise di Parigi: