Wyrmwood: Road of the Dead – Recensione

Il perfetto connubio tra film horror e film d’azione. La recensione di Wyrmwood: Road of the Dead di Kiah Roache-Turner.

Wyrmwood - Road of the Dead - Recensione
Wyrmwood – Road of the Dead – Recensione

Wyrmwood: Road of the Dead è un film horror d’azione del 2014 diretto da Kiah Roache-Turner. Il film, infatti, è un perfetto connubio fra l’elemento horror costituito dagli zombie e il ritmo incalzante di un film d’azione. Wyrmwood: Road of the Dead è ambientato in un’Australia post-apocalittica in cui è avvenuta una contaminazione zombie che ha trasformato la maggior parte della popolazione. Barry (Jay Gallagher), il protagonista, è un padre che è scappato di casa con la sua famiglia una volta saputo del contagio.

Come si scoprirà in seguito, il contagio ha la particolarità di infettare tutti eccetto le persone aventi il gruppo sanguigno 0 negativo. Proprio grazie a ciò, Barry si salva, ma lo stesso non accadrà per sua moglie e sua figlia, che per necessità dovrà uccidere. Distrutto dall’omicidio della sua stessa famiglia, Barry sulla strada per incontrare sua sorella Brooke (Bianca Bradey), si unirà ad altri sopravvissuti nel tentativo di salvarsi.

Benny (Leon Burchill) e Frank (Keith Agius) saranno i fedeli compagni di viaggio stermina-zombie di Barry. In quanto a Brooke, dopo aver scampato anch’ella il contagio, viene catturata da alcuni militari che fanno capo ad uno scienziato pazzo che conduce esperimenti su zombie e umani. Molti pericoli ostacoleranno l’incontro fra Brooke e Barry e per il trio sarà molto dura arrivare vivi a destinazione, sempre se ci riusciranno..

Wyrmwood: Road of the Dead non è un classico film post-apocalittico sugli zombie, ma ha molti twist ed elementi particolari estranei alle altre pellicole del genere. Innanzitutto è spassosa l’idea che questi zombie emettano gas dalla bocca: infatti i nostri eroi li useranno come carburante per il loro fuoristrada corazzato. Secondariamente, è originale la trovata che il contagio non prenda le persone con gruppo sanguigno 0 negativo. Terzo elemento particolare, il fatto che Brooke, dopo essere stata sottoposta ad alcuni esperimenti, possa comandare col pensiero tutti gli altri zombie, piegandoli al suo volere.

Wyrmwood: Road of the Dead ha un cast brillante, costituito da attori non molto noti al grande pubblico, ma non per questo meno di talento. Il ritmo è la parte che più valorizza questo film, perché anche gli spettatori poco appassionati al genere zombie non potranno che seguire con entusiasmo il succedersi serrato degli eventi. Tutti gli avvenimenti sono in rapida successione e fanno scivolare lo spettatore, come in una capriola, dall’inizio alla fine del film senza che se ne accorga. Film consigliato, quindi, sia a chi ama i film horror che a chi ama i film d’azione.

Acquista Wyrmwood: Road of the Dead

RASSEGNA PANORAMICA
3
Alessia Arnold
Horror-maniaca fin dall'infanzia, aspetto ancora l'Uomo Nero mentre molte sognano il Principe Azzurro. Il mio guardaroba è total black e quando mi chiedono se è morto qualcuno rispondo.."non ancora".