Leatherface, quando tutto ebbe inizio

Leatherface torna al cinema, ma questa volta è un ragazzo. Arriva il prequel di Non aprite quella porta. 

Leatherface (Faccia di cuoio), sta per tornare nelle sale cinematografiche; si tratta del prequel che segna l’ottavo capitolo della saga di Non aprite quella porta ed è il più atteso di questo 2016. Alla regia troviamo il due registi francesi specializzati in film horror Julien Maury e Alexandre Bustillo (insieme hanno diretto À l’intérieur e Livide) con lo sceneggiatore Seth M. Sherwood.

I prequel, i reboot o i sequel, sono da sempre oggetto di dibattiti e polemiche, a maggior ragione se si tratta di uno dei filoni più famosi di tutti i tempi nel panorama horror. Sulla questione prequel, mi dichiaro favorevole, in quanto sono stato sempre affascinato dalle origini dei cosiddetti mostri sacri dell’orrore.

Questa nuova pellicola sarà tutta incentrata sulla storia del giovane “faccia di cuoio” e sui motivi che lo hanno spinto a diventare uno dei più efferati serial killer nel panorama horror. La trama racconta di un giovane Leatherface, che nel fuggire, insieme ad altri tre pazienti dall’ospedale psichiatrico in cui era ricoverato, rapisce un’infermiera e la porterà con se in un viaggio infernale. Lungo il cammino, la comitiva di svitati s’imbatterà in un uomo di legge anch’esso con le rotelle fuori posto e in cerca di vendetta.

La pellicola è carica di quel senso d’inquietudine e di mistero, non solo tipica del film originale, ma che lo accomuna in un certo modo anche a Michael Myers in Halloween The Beginning  (2007), uno dei miei prequel preferiti e newquel del celebre Halloween – La Notte delle Streghe di John Carpenter. Nel nuovo Leatherface, sin dall’inizio è lampante la forte dose di violenza di cui sarà intrisa l’intera pellicola.

Nel cast saranno presenti Stephen Dorff nei panni dello sceriffo pazzoide, Lili Taylor, Nicole Andrews, Angela Bettis e Sam Strike. Per gli appassionati di film ispirati a fatti realmente accaduti, c’è da sapere che Leatherface, come anche anche Psycho di Alfred Hitchcock, si ispirano al serial-killer Ed Gein, omicida pazzo che riesumava i cadaveri per ricavare oggetti di arredamento per la propria casa.

Intanto la Millennium Films ha già reso pubblico una prima locandina ufficiale della pellicola di Leatherface e secondo dei rumors non si tratterà semplicemente di una biografia di un omicida, bensì conterrà molti influssi di genere thriller e mistero.

La saga completa
Non aprite quella porta (The Texas Chain Saw Massacre, 1974), di Tobe Hooper
Non aprite quella porta – Parte 2 (The Texas Chainsaw Massacre II, 1986), di Tobe Hooper
Non aprite quella porta – Parte 3 (Leatherface: The Texas Chainsaw Massacre III, 1990), di Jeff Byrr
Non aprite quella porta IV (The Return of the Texas Chainsaw Massacre, 1994), di Kim Henkel
Non aprite quella porta (The Texas Chainsaw Massacre, 2003), di Marcus Nispel
Non aprite quella porta: l’inizio (The Texas Chainsaw Massacre: The Beginning, 2006), di Jonathan Liebesman
Non aprite quella porta 3D (The Texas Chainsaw Massacre 3D, 2013), di John Luessenhop

 

Leatherface 2016 locandina
Leatherface 2016 locandina