Tokyo Gore Police – Recensione

Tokio Gore Police è incredibile horror-splatter che arriva dal paese del sol levante, un delirante tripudio di sangue e violenza.

Il Giappone non smette mai di stupire, soprattutto quando si parla di Cinema estremo. Lo splatter nipponico negli ultimi 15 anni ci ha regalato delle grandi perle, da “The Machine Girl” di Noboru Iguchi Girl a “Meatball Machine di Yudai Yamaguchi passando per Big Tits Zombie” di Takao Nakano.

Il regista di cui parliamo oggi, Yoshihiro Nishimura, ha lavorato agli effetti speciali di alcuni di questi film fino a quando, nel 2008, decide di girarne uno realizzando un vero e proprio capolavoro del trash splatter in salsa di soia: Tokyo Gore Police, un anime violentissimo e immorale concretizzato su pellicola.
TGP è a mio avviso quello che meglio rappresenta questo genere, uno dei pochi che si merita veramente la nomea ipersfruttata di CULT, ispirato come ha dichiarato lo stesso regista da opere magnifiche quali Videodrome di CronenbergLa Cosa, di Carpenter o i dipinti di Salvador Dalì.

Titolo: Tokyo Gore Police
Titolo originale
: TÔKyÔ Zankoku Keisatsu
Regia: Yoshihiro Nishimura
Attori: Eihi Shiina, Keisuke Horibe, Itsuji Itao, Yukihide Benny
Genere: Splatter
Durata: 110 minuti
Paese: Giappone
Anno: 2008