Blair Witch – Recensione

Arriva Blair Witch, il found footage di nuova generazione.

Nel 1999 uscì nelle sale cinematografiche il film The Blair Witch Project – Il mistero della strega di Blair. Un film che ebbe un enorme successo e rese lo stile di riprese found footage un espediente del genere horror, dando vita a quella paura primordiale di rimanere soli nel bosco. Il film realizzato con un bassissimo budget, incassò milioni di dollari segnando un record in questo genere di film.

A distanza di 17 anni il regista Adam Wingard (You’re Next, V/H/SV/H/S 2The Guest) e lo sceneggiatore Simon Barrett (entrambi fan del film del 1999) hanno dato vita al sequel del terrificante film intitolandolo Blair Witch.

Wingard e Barrett sono riusciti a creare un film horror alla pari degli ultimi successi come The Conjuring Insidious facendo percepire la pellicola il più reale possibile, come nel film del 1999. Il nuovo film Blair Witch è al passo coi tempi, non c’è una sola telecamera come nel film precedente, ma vengono sfruttate tutte le tecnologie più recenti per lo sviluppo della trama. Gli attori infatti utilizzano più di una telecamera, delle Go-Pro sono installate su di ognuno di essi e c’è perfino un drone per le riprese panoramiche comandato dal cellulare. Chi ha visto il film originale apprezzerà meglio questo nuovo sequel, e se non lo avete visto questo film vi spaventerà da morire a prescindere.

Sono passati vent’anni da quando il gruppo di amici sono scomparsi nella foresta di Black Hills nel Maryland nel tentativo di documentare il mistero che si cela dietro la leggenda della strega di Blair.

James (James Allen McCune) è il fratello di una delle protagoniste del primo film, che dopo la visione di un video caricato su YouTube dove apparentemente sembra comparire la figura di sua sorella nella misteriosa casa nella foresta, convince i suoi amici Peter (Brandon Scott), Ashley (Corbin Reid) e la studentessa di cinema Lisa (Callie Hernandez) nell’andare alla ricerca della casa per svelare i misteri irrisolti dietro la sua scomparsa.

Il quartetto guadagna altri due membri per la gita, Tania (Valorie Curry) e Lane (Wes Robinson) la coppia che ha trovato la videocassetta e messo successivamente il video in rete chiede in maniera “insistente” di partecipare. Durante il tragitto la nuova coppia racconta le leggende metropolitane riguardanti la foresta di Black Hills, ma il resto della compagnia rimane sulla convinzione che siano soltanto chiacchiere. Il film non ci mette molto a diventare minaccioso, quando alcuni eventi iniziano a sconvolgere le persone, conditi da strani rumori e voci terrificanti al calar della notte.

Quando si fa sera i Jumpscare sono i veri protagonisti del film, il livello sonoro nelle scene spaventose è dominato da alti picchi di urla e rumori. L’alternarsi delle Go-Pro personali installate su ogni personaggio crea un’oscillazione continua di momenti silenziosi a scene di puro terrore. L’occhio di Wingard è ancora di rilievo, anche nel concetto, l’utilizzo di molteplici telecamere fa distaccare alcune scene dal found footage, come la scena dell’albero passando per la situazione claustrofobica nell’atto finale che si distacca dallo stile del film, ma con stile.

il film raggiunge il massimo chilometraggio dei battiti cardiaci nell’atto finale, quando ricompare la casa del primo Blair Witch Project. Una casa che sembra che sia letteralmente marcire dall’interno che per l’occasione è stata ricostruita mattone per mattone, in particolare la cantina dove accadranno cose che non voglio anticiparvi e non dimentichiamoci della famosa mansarda dove attimi di puro terrore vi attenderanno.

Blair Witch è un ottimo film, un found footage new generation che si posiziona tra i top horror degli ultimi anni. Il sequel terrorizza il pubblico ed eccita i vecchi fan del vecchio film, rivelando qualcosina di più di ciò che si nasconde tra la foresta di Black Hills.

Titolo: Blair Witch
Titolo originale: Blair Witch
Regia: Adam Wingard
Attori: James Allen McCuneCallie HernandezCorbin ReidBrandon ScottWes RobinsonValorie Curry
Produttore: Lionsgate
Genere: Horror, Found footage
Durata: 89 minuti
Anno: 2016
Paese: USA