Nona – Recensione

Stephen King cede i diritti di Nona per un dollaro. Il film ora sarà presentato nei festival di cortometraggi.

Nona Recensione
Nona Recensione

Massimo Volta, regista del film in questione, all’età di 12 anni aveva già letto tutti i racconti di Stephen King e il suo preferito è riuscito a farlo diventare un mediometraggio. Volta ha scritto un email a King, chiedendogli il permesso per realizzare un film basato su Nona il 14esimo racconto di Scheletri. La risposta dello scrittore? “Ok, pagami un dollaro e ti concedo i diritti”.

Ho avuto la fortuna di conoscere Massimo Volta e mi ha raccontato di quando Stephen King ha voluto vedere il mediometraggio realizzato e di quanto lui e tutta la troupe abbiano vissuto momenti di ansia ed eccitazione in attesa del responso finale. Il film è piaciuto, “l’uomo del monte ha detto si” come cita una famosa pubblicità nostrana, Stephen King ha accettato di cedere i diritti ad una cifra simbolica e ha approvato il film, il sogno di Massimo e la sua banda si è realizzato.

La trama racconta di un giovane ragazzo, The Kid (Mattia Chicco) che vaga senza meta fino ad incontrare Nona (Rebeca Willig), una bellissima e misteriosa ragazza che diventerà sua compagna in un viaggio che li condurrà dentro ad un turbine di violenza e dove Nona porterà The Kid a commettere azioni inimmaginabili fino a quando rivelerà la sua vera natura.

Nona è un bel film, che cattura subito l’attenzione dello spettatore e lo trasporta verso una trama per nulla scontata dove c’è spazio anche per qualche colpo di scena. Una splendida fotografia e una buona prova degli attori rendono questo mediometraggio un prodotto decisamente professionale. E poi è piaciuto a King, chi siamo noi per contraddirlo?

Titolo: Nona
Titolo originale: Nona
Regia: Massimo Volta
Attori: Mattia Chicco, Rebecca Willig
ProduttoreNeon Crow
Genere: Horror
Durata: 38 minuti
Anno: 2016
Paese: Italia