The Walking Dead 7×3: Daryl in cella

Nel terzo episodio di The Walking Dead 7 vedremo il povero Daryl, imprigionato e torturato dall’ingrato Dwight.

Who’s the Boss? La terza puntata di The Walking Dead inizia con un messaggio subliminale, con la sigla di una vecchia sit-com statunitense dal titolo “Who’s the boss?” Dwight la sta guardando con un vhs all’interno del Santuary dei Salvatori, la base di Negan dove ci sono delle regole e vanno rispettate in caso contrario la punizione è esemplare, si fa come dice il Boss senza discutere… lì finalmente scopriamo la sorte di Daryl.

Daryl Dixon fa la sua comparsa nel terzo episodio della prima stagione e subito entra nei cuori di tutti per il suo essere scontroso, burbero, ribelle ma allo stesso tempo un amico leale e con un gran cuore, sapendo che non esiste nel fumetto è sicuramente tra i personaggi meglio riusciti e più amati della serie.

Nella premier Daryl era stato rapito dai Salvatori, in seguito al pugno rifilato a Negan e che è costato la morte al povero Glenn, ed ora lo tengono isolato e rinchiuso in una cella costretto ad ascoltare una canzoncina irritante ed a mangiare cibo per cani con Dwight che lo tortura psicologicamente per farlo cedere al volere del Boss.

Infatti questi sono i tre personaggi chiave della puntata, sono legati tra di loro come una catena, Negan vuole trasformare Daryl per renderlo come Dwight, un cagnolino addomesticato, ma lui non ne vuole proprio sapere di inginocchiarsi, rischiando anche la vita nel tentativo di fuggire dal Santuario.

Negan ha una particolare simpatia per Daryl, vuole che diventi uno dei suoi, forse sarà per il fatto che non ha paura di niente soprattutto non teme il villain e la sua Lucille, infatti in più occasioni è stato risparmiato, ma se non cederà alle regole lavorerà per Negan, ma da morto, come zombie legato al cancello principale.

L’altro personaggio chiave che voglio analizzare è Dwight, sicuramente avrà una grande importanza all’interno della serie, in precedenza lui e sua moglie Sherry erano scappati via dal regime autoritario del Santuario ed avevano incontrato Daryl che cercò di aiutarli senza alcun risultato, infatti i due decisero di ritornare indietro e subire le consuguenze atroci per il loro gesto, Negan li risparmia ma brucia mezza faccia di Dwight con un ferro da stiro e prende in moglie Sherry.

Qual’è il punto? Secondo me, Dwight odia Negan, obbedisce ad ogni suo ordine in silenzio ma sotto sotto sta tramando qualcosa, non ha di certo digerito quello che gli è stato fatto e forse proprio lui avrà un ruolo fondamentale nella guerra che scoppierà, speriamo a breve!

La prossima puntata, la quarta della settima stagione,  sappiamo che durerà di più degli episodi normali, si torna ad Alexandria dai nostri beniamini e vedremo l’arrivo di Negan che va a visitare il suo nuovo feudo. Who’s the Boss? Beh la risposta è scontata… è Negan!