Terror Take Away – Recensione

Pizza, sangue e denuncia sociale nel nuovo film di Alberto Bogo. La recensione di Terror Take Away.

Terror Take Away - Recensione
Terror Take Away – Recensione

Terror Take Away è una horror-comedy slasher diretta da Alberto Bogo, che critica fortemente e denuncia con ironia il problema della disoccupazione e delle condizioni di lavoro in Italia. Abbiamo avuto l’opportunità di vederlo in anteprima a Milano, ma presto raggiungerà le sale italiane grazie alla piattaforma online Movieday.

Terence e Adelaide sono due cinici arrivisti, compagni nella vita e negli affari. Insieme gestiscono il più grande franchise di Pizza take away italiano, Tinto’s Pizza. Una leggenda metropolitana ha fatto la fortuna della loro impresa: “il cliente che ordinerà la pizza 237 sarà obbligato a lasciare la mancia al porta pizze, se non lo farà, Max il Killer porta pizze lo ucciderà”. La perfida coppia però non è mai contenta e indice un concorso, una sorta di reality con prove da superare per vincere l’ambito premio, un posto di lavoro. Ma il gioco si spingerà un po’ troppo oltre, fino a infastidire il noto killer che tutti credevano non esistere realmente.

Alberto Bogo è un romantico amante del cinema, la sua storia ricorda almeno inizialmente quella del primo Peter Jackson (gli auguriamo una carriera ugualmente fortunata). Come per Jackson con Bad Taste, il film che ha reso famoso Bogo è Extreme Jukebox, un riuscitissimo horror-trash. Extreme Jukebox è infatti entrato con grande merito nel “bouquet” della Troma Entertainment (la casa di produzione di Toxic Avengers), questo primo film mette in gioco un perfetto cocktail tra musica metal e horror che ci ha ricordato il più famoso Devil’s Candy, peccato che quest’ultimo sia del 2015, mentre la pellicola di Bogo è del 2012, tirate voi le somme.

In Terror Take Away vediamo un impressionate salto di qualità rispetto al film precedente, il regista cura al meglio tutti gli elementi che la compongono nonostante l’esiguo budget. Un cast di professionisti, e nello specifico la prova di spessore di Fiorenza Pieri (Adelaide) e Roberto Serpi (Terence), danno una credibilità alla pellicola determinante. La vera perla però è la sceneggiatura, non priva di difetti, ma indubbiamente originale, divertente, e a tratti esilarante. Terror Take Away si colloca come una “horror-comedy romeriana“, perché il tema sociale della disoccupazione è la linfa da cui attinge il regista per servirci un menu di battute che vi faranno ribaltare dalla sedia. Ma non temete amanti dell’horror violento e splatteroso, arriverà il momento della mattanza, a metterlo in atto troviamo uno dei villian più affascinanti che ci sia capitato di vedere, Max il killer porta pizze è grosso, cattivo e ha un modus operandi davvero singolare e nostrano.

Con Terror Take Away, Alberto Bogo sforna un film gustoso, dove la comicità e la denuncia sociale sono i sapori predominanti. L’horror che inizialmente nell’opera è marginale, arriverà ricco sul finale per appagare la vostra fame di splatter. La pellicola ha anche qualche sbavatura, ma non tale da impedirmi di riservarle un posto di tutto rispetto nella mia collezione di film horror.

Titolo: Terror Take Away
Titolo originale: Terror Take Away
Regia: Alberto Bogo
Attori: Fiorenza Pieri, Roberto Serpi, Alessia Sala, Noemi Esposito, Andrea Benfante, Daniele Madeddu, Fabrizio Zanello, Arianna Fancellu, Selene Feltrin
Sceneggiatura: Alberto Bogo
Fotografia: Brace Beltempo
Scenografia: Davide Battaglia
Effetti speciali: Davide Riccardi
Montaggio: Lucio Basadonne
Costumista: Martina Calabresi
Musiche: Fabio Cuomo
Prodotto da: David Ferrando, Sonia Passarelli
Anno: 2018
Durata: 87 min

 

RASSEGNA PANORAMICA
Giudizio
Il Gonz
Art Director, appassionato di SEO e social media. Fondatore di Nonapritequestoblog.it, Nerdgazmo e co-fondatore di Bauscia.it. Amo l'Inter, i film horror, i fumetti, i videogiochi, il running e mi diletto a scribacchiare sui miei blog.