Saw: Legacy – Recensione

I giochi sono ricominciati… Jigsaw è tornato? La recensione di Saw: Legacy.

Saw: Legacy - Recensione
Saw: Legacy – Recensione

Saw: Legacy è un film del 2017 per la regia di Michael Spierig e Peter Spierig, l’ottavo capitolo della saga con protagonista l’Enigmista (Jigsaw nell’originale). L’ultimo capitolo, Saw 3D – Il capitolo finale, era uscito nel 2010, quindi sono passati diversi anni prima di questo sequel. Avevamo lasciato Hoffman (Costas Mandylor) incatenato e rinchiuso dal dottor Gordon (Cary Elwes) che, in questo modo, aveva finalmente messo fine alla serie di giochi. Tuttavia, in questo nuovo capitolo i giochi ricominciano: chi sarà a portare avanti l’eredità di John Kramer (Tobin Bell) stavolta?

Saw: Legacy comincia in medias res, infatti lo spettatore è immediatamente catapultato nel gioco che sta per cominciare. Abbiamo cinque persone incatenate e pronte alla lotta per la sopravvivenza: Anna (Laura Vandervoort), una bugiarda, Ryan (Paul Braunstein), uno spacciatore e adultero seriale, Mitch (Mandela Van Peebles), un truffatore, Carly (Brittany Allen), un’ex borseggiatrice, infine un personaggio di cui non conosciamo l’identità.

Intorno alla trama di Saw: Legacy ruotano anche il medico legale Logan (Matt Passmore) e la sua assistente Eleanor (Hannah Emily Anderson) che si occuperanno dei morti provocati dai giochi e i detective Halloran (Callum Keith Rennie) e Keith Hunt (Clé Bennett) che cercheranno di risalire al nuovo erede di Jigsaw. Nella strada che porta alla rivelazione del colpevole, non mancheranno perdite e incredibili colpi di scena… John Kramer sarà davvero tornato dall’oltretomba per finire il suo lavoro?

Saw: Legacy è un capitolo di cui, forse, non si sentiva l’esigenza. Già in Saw3D – Capitolo finale si era messo un punto alla saga: tutti i fili erano stati tirati e nulla era rimasto in sospeso. Il film intrattiene, immerge lo spettatore di nuovo nell’atmosfera della saga e lo incita a indovinare il colpevole, come nei migliori gialli/polizieschi. Non saranno delusi nemmeno gli amanti delle scene splatter a cui i fan della saga sono abituati, tuttavia questo film è meno cruento rispetto ai precedenti.

La parte migliore di Saw: Legacy è, come nella miglior tradizione, quella finale, in cui si svelano tutti i meccanismi lasciati in sospeso durante il film. I colpi di scena sono ben inscenati e lasciano a bocca aperta, facendo cadere ogni certezza costruita durante la visione. Da questo punto di vista, questo capitolo non è da meno rispetto ai precedenti.

In conclusione, Saw: Legacy è un film consigliato perché intrattiene, diverte e fa rivivere le emozioni della saga. Tuttavia, non è un capitolo indispensabile, non apporta nessuna novità particolare rispetto ai film precedenti, rimanendo bloccato nello stesso schema narrativo.

Titolo: Saw: Legacy
Titolo originale: Jigsaw
Regia: Michael e Peter Spierig
Attori: Brittany Allen, Callum Keith Rennie, Clé Bennett, Hannah Emily Anderson, Laura Vandervoort, Mandela Van Pleebes, Matt Passmore, Paul Braunstein, Tobin Bell.
Genere: Horror
Durata: 91 min
Anno: 2017
Paese: USA

 

 

canale youtube NAQB
RASSEGNA PANORAMICA
3
Alessia Arnold
Horror-maniaca fin dall'infanzia, aspetto ancora l'Uomo Nero mentre molte sognano il Principe Azzurro. Il mio guardaroba è total black e quando mi chiedono se è morto qualcuno rispondo.."non ancora".