I Poltergeist esistono e sono tra noi: ecco i casi reali

poltergaist casi reali
poltergaist casi reali

Ecco i casi “reali” di eventi soprannaturali conosciuto come Poltergeist.

I poltergeist hanno fatto la storia dei film horror e da lì sono entrati nell’immaginario collettivo al punto che è consuetudine ormai associare rumori improvvisi e movimenti strani di oggetti proprio ad essi (in tedesco poltergeist significa “spirito chiassoso”).

Teoricamente, tutti noi abbiamo una qualche idea di cosa essi siano, anche se la loro attività psico-cinetica risulta ancora avvolta nel mistero; poiché, anche la scienza non ha saputo dare una spiegazione razionale a tale fenomeno. Fu la scrittrice britannica Catherine Crowe a scrivere per la prima volta dei poltergeist nel libro The Night-side of nature, in cui vengono menzionate esperienze personali-soprannaturali attraverso apparizioni, sogni e vita dopo la morte. I fenomeni associati ai poltergeist avvenuti nel corso del tempo sono molteplici, alcuni dai connotati più realistici, altri un pò meno.

Il caso di South Shields è tra i più emblematici e spaventosi mai registrato, ed è spesso confrontato con quello di Enfield del 1977, caso che sconvolse l’Inghilterra e che ha ispirato The Conjuring 2 (2016 James Wan). Il caso di South Shields nel nord-est dell’Inghilterra ha come protagonisti una giovane coppia di coniugi con un figlio di tre anni. Nel 2005 strani eventi iniziarono a manifestarsi nella loro abitazione come rumori improvvisi di porte e finestre, spostamento di oggetti. Col passare del tempo tali fenomeni si intensificarono non solo nel numero ma anche come violenza; infatti, il poltergeist in questione assunse sempre più i connotati di un demone maligno in grado di scagliare oggetti e lasciare messaggi provocatori e minacciosi sulla tavoletta magnetica del figlio della coppia, parole che lasciano poco spazio all’immaginazione come “Muori puttana”, o “È giunta la tua ora!” inoltre, quella presenza maligna, prese di mira anche il cellulare di uno dei due coniugi con sms e telefonate mute. Non si è mai saputo se si trattasse di uno scherzo, ma non è mai stato scoperto chi avesse scritto quelle oscenità sulla tavoletta e né da quale numero provenissero i messaggi e le telefonate.

Un altro caso risale al 1960 in Scozia, riguarda una ragazzina di undici anni chiamata Virginia Campbell. In presenza della bambina iniziarono a manifestarsi fatti strani come spostamento di mobili e persino in classe una volta il suo banco si sollevò di ben 60 cm. Si scoprì presto che il fulcro del fenomeno paranormale fosse proprio la ragazzina perché quando lei dormiva non si manifestava alcun evento.

A Miami nel 1967, nella ditta di un commerciante di souvenir gli oggetti erano soliti rompersi e spostarsi di continuo. Il caso fu analizzato approfonditamente e dalle indagini emerse che il fulcro dell’attività paranormale, era Julio, un diciannovenne, infatti tutti i fenomeni erano soliti manifestarsi solo in sua presenza; questo caso fu molto significativo in quanto, fu il primo che condusse a studi ed esperimenti su fenomeni di tale genere riguardante l’effetto poltergeist.

Per finire, voglio citare uno dei casi più sconcertanti, avvenne nel Kentucky, nella tranquilla cittadina di Olive Hill, ed ebbe come protagonista un giovane di diciotto anni chiamato Roger Callihan, il quale un giorno mentre era in cucina con sua madre si verificò un fatto del tutto bizzarro, il tavolo si sollevò ruotando a 45 gradi. Secondo gli studiosi però il fenomeno fu probabilmente dovuto all’attrito del giovane con sua madre.

Tutt’oggi, nonostante la tecnologia avanzata, ancora non si conosce a cosa siano dovuti gli strani fenomeni che avvengono tra le mura domestiche; l’unica certezza, è che un poltergeist ha la tendenza a focalizzarsi attorno ad un unico individuo, rendendolo per l’appunto il fulcro dei fenomeni paranormali; secondo gli parapsicologi il più delle volte tali fenomeni sono innescati da adolescenti risentiti per qualche maltrattamento e con sconosciute capacità telecinetiche, anche se a noi, i rumori e gli spostamenti vari, piace assoggettarli a forze spaventose e ignote.